le necropoli

necropoli_nordLa civiltà di Pantalica possiede la peculiare costumanza funeraria di seppellire i propri defunti non nella nuda terra o entro tumuli epigeici, ma all’interno di grotticelle scavate nella roccia. Le necropoli si dispongono lungo quasi tutti i fianchi del massiccio collinare sul quale sorgeva il centro abitato. La loro disposizione risponde ad una logica di progressiva utilizzazione delle pareti nell’arco dei sei secoli di vita della città.
Gli studiosi hanno ipotizzato una progressione cronologica spaziale nell’espansione necropolare, basata sui corredi funerari e sulla tipologia architettonica delle tombe. La tipologia più antica, rappresentata soprattutto nella necropoli Nord e Nord-Ovest, è caratterizzata da una pianta ellittica con volta a cupola che produce una sezione trasversale piano-convessa. Via via che ci si sposta cronologicamente verso le necropoli più recenti, (Cavetta, Sud e Filiporto) le tombe a camera rettangolare con soffitto piatto diventano di gran lunga le più frequenti. È tuttavia anche da tenere in considerazione che la presenza di tombe più antiche in contesti necropolari più recenti può significare che piccoli nuclei abitativi abbiano potuto occupare spazi diversi da quelli normalmente utilizzati in quella fase storica.

ritorna alla pagina principale

Annunci

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: